Se avete materiale che a vostro giudizio, può interessare il blog
e non c'è altro mezzo, per poterlo utilizzare, che quello di acquistarlo,
siamo disposti anche a farlo
contattate
dersu54.g@gmail.com


Si accettano donazioni, scannerizzazioni o registrazioni

sabato 27 aprile 2013

Avvisaglie di un conflitto - 1939 (maggio - agosto)

pubblicità - BEIERSDORF (Hansaplast)
 
 
maggio
  • [03] – dopo le inutili richieste di costituire una Triplice Alleanza, con Francia e Gran Bretagna, il ministro degli Esteri della URSS, Maksim Litvinov (ebreo aspramente svillaneggiato dai tedeschi), viene sostituito dal più spregiudicato Molotov, assai più incline a cercare un accordo tattico con la Germania se dovesse essercene la necessità  
 
 
  • [15] – a Torino, alla presenza di 60.000 operai, Mussolini inaugura la “Fiat-Mirafiori” che sostituirà la “Fiat-Lingotto”, radunando in un solo organismo tutta la produzione automobilistica e dei motori d’aviazione
  • [20] – Termina la guerra civile spagnola con la vittoria del generale Franco 
 

 

  
  • [22] – I ministri degli Esteri di Italia e Germania Galeazzo Ciano e Joachin von Ribbentrop, firmano il cosiddetto “Patto d’acciaio”, un accordo politico-militare di reciproca assistenza in cui i due governi s’impegnano a sostenersi con tutte le proprie forze militari, ove una delle parti fosse implicata in una guerra , senza distinzione fra guerra offensiva o difensiva.
 
pubblicità - S.A.F.F.A.

giugno
  • [18] - Pio XII nomina San Francesco d'Assisi patrono d'Italia assieme a Santa Caterina da Siena.
  • [23] - Italia e Germania firmano l'accordo che prevede le opzioni per i cittadini dell'Alto Adige di madrelingua tedesca; chi vuole può rinunciare alla cittadinanza italiana e trasferirsi nel Reich


luglio
  • [23] - Molotov propone a Francia e Inghilterra che inviassero a Mosca una missione militare per elaborare un accordo di alleanza.

agosto

  • [04] - Francia e Inghilterra accettano l'invito di Mosca
  • [11] - Arriva a Mosca la missione militare anglo-francese formata da generali e ammiragli che non avevano alcun potere decisionale. Chamberlain non aveva alcuna intenzione di fare accordi con l' Unione Sovietica
  • [20] - Hitler informato del mancato accordo anglo-franco-sovietico, invia a Stalin un telegramma per un incontro con Ribbentrop, Stalin, prevedendo l'imminenza degli eventi e l'inutile attesa di una proposta concreta da parte dell'Inghilterra, accetta.
  • [23] – Germania e Unione Sovietica, per mano dei rispettivi ministri degli Esteri Joachim von Ribbentrop e Molotov, firmano a Mosca un patto di non aggressione cui è allegato un protocollo segreto relativo alla futura spartizione della Polonia (la Bessarabia e gli Stati baltici).
  • [24] - alle ore 19,00, Pio XII, dal suo studio di Castel Gandolfo collegato con la stazione radio vaticana, legge un messagio per il mantenimeto della pace
  • [25] – La Gran Bretagna trasforma la garanzia unilaterale, concessa Polonia assieme alla Francia, in un patto di mutua assistenza: intervento automatico di ciascuno dei due paesi in caso di aggressione all’altro da parte di terzi.     Hitler informa Mussolini che la Germania è pronta ad invadere la Polonia. Il duce replica che l’Italia per entrare in guerra necessita di un periodo di preparazione di tre anni e subordina il suo ingresso nel conflitto a consistenti aiuti germanici.
  • [26] - Roosevelt invia un messaggio ad Hitler, proponendogli di intavolare trattative dirette con la Polonia per giungere ad un accordo su Danzica
  • [29] – Per il tramite dell’ambasciatore inglese a Berlino, Hitler pone un ultimatum: la Polonia dovrà inviare un suo plenipotenziario nella capitale tedesca entro il 30 di agosto, per definire la questione di Danzica e del suo corridoio sulla base di un documento in 16 punti elaborato da Von Ribbentrop e dallo stesso Hitler.
  • [30] - Mobilitazione generale in Polonia: vengono richiamate alle armi ventitre classi
  • [31] – Per accontentare almeno formalmente Mussolini, il quale ha tra l’altro sollecitato l’immediata convocazione di una conferenza internazionale per scongiurare la guerra, il Fuhrer riceve l’ambasciatore polacco a Berlino, Lipsky. E’ un dialogo che dura solo pochi minuti. [-] Tedeschi vestiti di uniformi polacche fanno irruzione nella stazione radio tedesca di Gleiwitz .   E' il casus belli per la Germania
  
pubblicità - MAGNADYNE
 
 
 
  1. Mario Latilla - Evviva la torre di Pisa (casiroli-rastelli)
  2. Aldo Visconti - Ti perderò (mascheroni-marf)
  3. Luciana Dolliver - Ho voglia di sposarmi (panzeri-rastelli-vasin)
  4. Silvana Fioresi & Gianni Di Palma - Piemontesina (raimondi-frati)
  5. Carlo Buti - Firenze sogna (cesarini)
  6. Dea Garbaccio - Rosamunda (beer barrel polka) (vejvonda-nisa)
  7. Kramer e i suoi Solisti - A cena nella jungla (kramer)
  8. Carlo Moreno & Trio Lescano - Signorina grandi firme (d'anzi-bracchi)
  9. Enzo Romagnoli - Lauretta pompapon (cioffi-pisano)
  10. Carlo Buti - Fili d'oro (buongiovanni-caputo)
  11. Meme Bianchi - Cosa fanno le ragazze innamorate (godini-del mattino)
  12. Vittorio De Sica - 'O mese d' 'e rrose (de sica)
  13. Giovanni Turchetti - Tu sentirai nel cuor
  14. Carlo Buti - Musica proibita (flick-flock-gastaldon)
  15. Isa Bellini - La tua mano (trenet-valabrega)
  16. Alfredo Clerici - E' bello parlarti d'amore (borla-bertini-mari)
 
 

ANNA PROCLEMER e GIORGIO ALBERTAZZI - brani scelti da LA FIGLIA DI JORIO

 


La maggior parte degli spettatori che ieri sera avevano riempito in ogni angolo disponibile la platea dell'Odeon, era costituita - ho voluto guardar bene in viso chi, lanciando fiori, assediava la ribalta per acclamare Anna Proclemer e con lei, protagonista fiammeggiante, tutti gli interpreti della Figlia di Jorio - da gente molto giovane che, in un certo senso "scopriva" Mila e Aligi, Lazzaro di Rojo, Candia della Leonessa e Ornella, e che, con tutta probabilità ha avuto, per cento e uno motivi, una educazione sostanzialmente antidannunziana.[...]
Pubblico di giovani, un regista giovane, interpreti giovani. [...] Non credo che Squarzina per conto suo, e soprattutto Anna Proclemer siano cresciuti in un particolare clima di simpatie dannunziane.
[...] Ringraziamoli per avere osato la traversata dell'Oceano, loro, figli di una civiltà per tanti lati apparentemente diversa da quella in cui si macerarono i profumi dannunziani, in cui si modellarono i suoi sontuosi vocabolari,  in cui al tanto oro si mescolò tanta porporina.   Battendo ieri sera le mani alla loro prova, li ho salutati come, chi sta un pò sospettoso a riva, saluta, quando tornano alla superficie delle onde, risalendo dagli abissi popolati di piovre, di murene, di squali e di meduse - queste sono le cento trappole in cui può farci incappare l'oceano dannunziano - saluta, ripeto, i pescatori che buttano a riva una meravigliosa manciata di perle.
[...]
Orio Vergani
(dalla cover del disco che riporta l'articolo apparso su "Il Corriere della Sera")






side a)
  1. Dedica
  2. Laudato Gesu e Maria! (atto 1°, scena 2ª)
  3. Aiuto, per Gesù Nostro Signore! (atto 1°, scena 5ª)
  4. Io pur dissi (atto 1°, scena 5ª)
  5. O Cosmo, uomo di Dio (atto 2°, scena 2ª)


side b)
  1. Aligi, Aligi (atto 2°, scena 3ª)
  2. Ma voi madre chiamare non più m'è dato (atto 3°, scena 3ª)
  3. Madre d'Aligi, sorelle d'Aligi (atto 3°, scena 4ª)




cover (LA VOCE DEL PADRONE - QELP 8045)
look at commenti

LA VOCE DEL PADRONE - QELP 8045
look at commenti

ANNA PROCLEMER - LA CONFESSIONE DI TEMPLE DRAKE

 


Come ogni vero artista, e più ancora un attore, è un attore importante solo quando risulta interprete della propria generazione e testimone del tempo in cui opera.   Lasciamo stare certe mostruose rarità - La Duse, Ruggeri -  strumenti miracolosi capaci di evolvere e mutare con sensibilità anticipatrice, parallelamente al flusso incessante delle mutazioni d'una cultura, d'un gusto, d'un costume; sempre diversi e nuovi, talora addirittura contradditori, oggi da ieri e domani da oggi.
[...] Ogni attore sarà e deve essere figlio e documento della prorpia stagione anche a costo di esaurirsi in essa.
Ancora ben difese le posizioni contemporanee da una valida pattuglia di interpreti formatisi e affermatisi fra le due guerre, il nostro teatro presenta viceversa una carenza preoccupante - si parla degli alti livelli ben s'intende - per quanto riguarda le nuove leve, quelle in cui la generazione del dopoguerra aspetta di riconoscersi e di confessarsi.   L'unica autentica, diciamo pure la parola, grande attrice della ultima e presente generazione è proprio Anna Proclemer.   Lo è per le sue straordinarie qualità, lo è, perfino, per certe peculiarità e sofisticazioni destinate forse a rivelarsi la parte caduca di questa tormentata età.
Nella biografia di ogni attore esiste un personaggio che funge da catalizzatore dei suoi più segreti impulsi espressivi, che lo rivela a se stesso e sul quale verifica, manifesta e condiziona la propria arte.
Per la Proclemer questo personaggio fu la protagonista del "Requiem per una monaca" di Faulkner, [...]
Carlo Terron
(dalla cover del disco)
 
 
 
 
cover  (LA VOCE DEL PADRONE - QFLP 4099)
look at commenti
 
LA VOCE DEL PADRONE - QFLP 4099
look at commenti

venerdì 26 aprile 2013

ANNA PROCLEMER - RECITAL (1960)

 


L'arte di Anna Proclemer è contemporanea degli ultimi e più notevoli sviluppi del teatro italiano; essa ne segue , o ne anticipa, le direzioni più feconde.   Appena diciottenne, a guerra già iniziata, la Proclemer esordì con la più filtrata, intellettuale e misteriosa commedia di Bontempelli, "Minnie la candida", in una interpretazione che stupì la critica per la fredda, impeccabile stilizzazione del singolare personaggio.   Talchè, pur riconoscendo nella debuttante una personalità delle più originali, molti si forgiarono di lei un cliché limitato, di attrice letteraria e intellettualistica; cliché cui conferiva qualche attendibilità il volto dell'attrice, di un pallore irreale, su cui spiccava, in nitido contrasto, il nero degli occhi e dei capelli.   Colpiva anche il perfetto controllo che l'esordiente sapeva esercitare su ogni suo gesto, in una età facilmente incline alle esuberanze del sentimento.   Ma il passo decisivo nella carriera della Proclemer fu compiuto nella compagnia Ricci, con una interpretazione della figura di Gonerilla nel "Re Lear" shakespeariano, che apparentemente sovvertiva i ricorrenti luoghi comuni sulla sua arte, della quale era invece la maturazione e il completamento.  
Lucida e sensuale, autoritaria e tuttavia travolta dal suo destino, ma priva di umana giustificazione nella sua cattiveria, quella di Gonerilla rimarrà a lungo nella nostra memoria, per la inusitata e chiarificatrice dimensione che acquistò nel dramma, e che laureò la Proclemer tra le attrici tragiche più dotate della scena di oggi, ponendo la sua candidatura all'interpretazione di personaggi tra i più alti e difficili del teatro di prosa, quali Mila di Codra in "La figlia di Jorio", di D'Annunzio, Temple Drake in "Requiem per una monaca" di Faulkner e Camus, la Signora Alving in "Spettri" di Ibsen.   Personaggi che non vengono solo fedelmente illustrati ma ricreati in piena e consapevole libertà, da un'attrice in cui tecnica e istinto, cultura e temperamento, lungi dall'escludersi si fondono in uno stile affascinante.
[...]
Giorgio Prosperi
(dalla cover del disco)
 
 
 
 
 
 
Side a)
  1. L'addio (dall'"Antigone" di Sofocle)
  2. Il pianto della Madonna (Jacopone da Todi)
    with Davide Montemurri e Gianni Galavotti
  3. Giulietta e Romeo - atto 2°, scena 2ª (Shakespeare)
 
Side b)
  1. Nina - atto 4° (dal "Gabbiano" di Cecov)
  2. Scena del processo (da "Santa Giovanna" di B. Shaw)
    with Gianni Galavotti
  3. Francesca da Rimini - atto 1° (G. D'Annunzio)
 
 
 
cover (LA VOCE DEL PADRONE - QFLP 4098)
look at commenti
 
LA VOCE DEL PADRONE - QFLP 4098
look at commenti
 
     
 

ANNA PROCLEMER e ARNOLDO FOA' leggono le LETTERE DI CONDANNATI A MORTE DELLA RESISTENZA EUROPEA (1955)

 
 
Dalla raccolta di Lettere di condannati a morte della resistenza europea, a cura di P.Malvezzi e G. Pirelli, Giulio Einaudi editore, Torino 1954, sono state scelte le lettere di questo disco, affidate alla voce di Anna Proclemer e Arnoldo Foà, commento musicale tratto dalla V Sinfonia di Shostakovic.   Al libro, monumento della fede e della dignità umana, Thomas Mann ha dedicato un'accorata prefazione dalla quale è stato tolto il seguente brano: 
speaker: Riccardo Cucciolla



cover (CETRA - CLV0601)
look at commenti

CETRA - CLV 0601
look at commenti

ANNA PROCLEMER - interpreta EUGENIO MONTALE (1955)

 



side a)
  1. Falsetto
  2. Non chiederci la parola
  3. Meriggiare pallido assorto
  4. Ciò che di me sapeste
  5. Forse un mattino
  6. Val Morbia

side b)
  1. Casa sul mare
  2. Dora Marcus
  3. Il sogno del prigioniero


cover (CETRA - CL 0408)
look at commenti

CETRA - CL 0408
look at commenti

ANNA PROCLEMER (30 maggio 1923 - 25 aprile 2013)



Alla notizia, questa mattina della scomparsa della Proclemer, commosso, ho ripreso alcune delle sue interpretazioni su disco, per riascoltarne la voce.
E' stato un vero flash di sensazioni e stati d'animo del passato.
Inserisco questo materiale in alcuni post, con la speranza di mantenere
nella memoria di voi utenti, il ricordo di Anna Proclemer.

dersu 

giovedì 25 aprile 2013

Avvisaglie di un conflitto - 1939 (gennaio-aprile)




gennaio
  • [04] – Il presidente Roosevelt al Congresso pronuncia un discorso contro le dittature
  • [11-13] - Neville Chamberlain in visita a Roma tenta di rimettere sul tappeto la questione di garanzia promessa alla Cecoslovacchia nell’accordo di Monaco.
  • [12] – Giuseppe Bottai vara la "Carta della scuola" (introduzione del lavoro nelle scuole e conferma del ruolo elitario degli studi classici, considerati una palestra per la formazione della classe dirigente).
  • [19] – Mussolini sopprime la Camera dei Deputati e la sostituisce con la Camera dei Fasci e delle Corporazioni, priva anch'essa di oppositori e formata solo di dirigenti del partito nazionalfascista o da organizzazioni ad esso dipendenti
  • [26] – Viene occupata Barcellona. Circa 200.000 repubblicani sono costretti a rifugiarsi oltre il confine francese.
pubblicità - ALFA ROMEO

febbraio
  • [10] – Pio XI, colpito da una crisi cardiaca, muore alla vigilia del decennale della Conciliazione.
  • [25] – in Italia, il governo con decreto legge rende obbligatorio il matrimonio come condizione per l’avanzamento di carriera nella pubblica amministrazione
  • [27] – La Gran Bretagna e la Francia riconoscono il regime Franchista 

pubblicità - SOCIETA' NAZIONALE DEI RADIATORI (Ideal Standard)
marzo
  • [02] – nel primo giorno di conclave viene eletto Papa, il segretario di Stato Eugenio Pacelli (ex nunzio apostolico a Monaco e Berlino fino al 1930, ossessionato dallo spettro della minaccia ebraico-bolscevica capace di distruggere la cristianità), che prende il nome di Pio XII e saluta con grande entusiasmo la vittoria di Franco in Spagna.
  • [14] – La Slovacchia, guidata dal filotedesco Monsignor Josef Tiso, proclama l’indipendenza da Praga sotto la protezione della Germania alla quale viene anche ceduto lo sfruttamento delle ricche risorse minerarie della regione.
  • [15-16] – La repubblica cecoslovacca cessa di esistere: i tedeschi occupano la Boemia-Moravia imponendovi il loro protettorato. L’Ungheria si annette la Rutenia subcarpatica, estrema parte orientale della defunta repubblica cecoslovacca
  •  [17] – Il premier inglese Chamberlain accusa esplicitamente Hitler di essere venuto meno agli impegni presi
 pubblicità - PIRELLI
  • [20] – il governo sovietico propone la costituzione di un fronte di mutua assistenza tra gli Stati pacifici in caso di aggressione, ma la proposta non viene raccolta. Gli Stati confinanti hanno il terrore di vedere l'aiuto sovietico concretizzarsi nelle armate che attraversano il loro territorio per difenderli dalla Germania e che successivamente  li incorpora in quel sistema comunista di cui essi sono i più strenui avversari. La Polonia, la Romania, la Finlandia e i tre Stati Baltici non sanno se temere di più l'aggressione germanica o il soccorso russo.
  • [21] – La Germania rinnova alla Polonia le pesanti richieste già presentate altre tre volte, a partire dal 24 ottobre dell’anno precedente, e precisamente:
    - restituzione di Danzica;
    - consenso alla costruzione di un’autostrada e di una ferrovia extraterritoriali che consentano il   collegamento tra le Germania e la Prussia Orientale attraverso il corridoio di Danzica;
    - garanzie, a lunga scadenza del nuovo assetto territoriale.
  • [22] – La Lituania restituisce alla Germania il porto di Memel, fascia settentrionale della Prussia Orientale perduta in seguito agli accordi del ‘19
    [26] – Mussolini presenta le rivendicazioni italiane contro la Francia nel mediterraneo (Nizza, Corsica e Tunisia)
  • [28] – I polacchi proclamano che ogni eventuale tentativo tedesco di alterare lo status di Danzica senza il consenso della Polonia significherebbe inevitabilmente la guerra.    Francisco Franco entra trionfalmente a Madrid 
  • [31] – In una dichiarazione congiunta Francia e Gran Bretagna annunciano che garantiranno l’indipendenza e l’integrità territoriale della Polonia contro eventuali aggressori. Successivamente, il 13 aprile, allargheranno questa garanzia alla Grecia e alla Romania, sollecitando il ministro degli Esteri sovietico Litvinov ad un analogo impegno.

pubblicità - KODAK
aprile 
  • [07] – Al fine di controbilanciare l’espansione tedesca in Cecoslovacchia, Ciano progetta una commedia ai danni di re Zog I d'Albania (fedele alleato), costruendo un dissidio tra questo e il governo fascista, per giustificare lo sbarco di truppe italiane in Albania; il re ripara in Grecia.
  • [15] – Ad una ulteriore proposta sovietica di alleanza anglo-franco-sovietica per un periodo di 5-10 anni che avrebbe previsto un reciproco aiuto, compreso quello militare in caso di aggressione a uno dei tre e a far altrettanto per tutti i paesi dell'Europa orientale confinanti con l'Unione Sovietica dal Baltico al mar Nero, Chamberlain senza tener conto di un sondaggio del popolo inglese, che chiedeva una stretta collaborazione con l' Unione Sovietica, propone un accordo che esclude alle armate sovietiche l'attraversamento del territorio dei paesi confinanti. [-] - La Camera dei Fasci e delle Corporazioni proclama l’unione dinastica del regno d’Italia e del regno di Albania nella persona di Vittorio Emanuele III
  • [27] – La Gran Bretagna introduce la coscrizione militare (servizio militare obbligatori
    [28] – Hitler proclama l’incongruenza dell’accordo tra Polonia e Gran Bretagna del 31 marzo con quello polacco-tedesco del gennaio 1934
TRIO LESCANO
  1. Trio Lescano e Carlo Moreno - Manila (ruccione-morini)
  2. Angelina Dell'Amore - Non tardar
  3. Carlo Buti - Reginella campagnola (di lazzaro-bruno)
  4. Enzo Aita - Prima di te nessuna (aita)
  5. Luciano Tajoli - Dammi il tuo indirizzo (bracchi-d'anzi)
  6. Beniamino Gigli - Notte d'amore (di leo-de crescenzo)
  7. Carlo Buti - Settembre ti dirà (ala)
  8. Luciano Tajoli - Fior di rose (e di ginestre) (godini)
  9. Carlo Buti - Mattinata (leoncavallo)
  10. Kramer e i suoi Solisti - Quella vecchia melodia (the dipsy doodle) (clinton)
  11. Enzo Aita & Trio Lescano - Segui il ritmo (kaper-turman-bracchi)
  12. Luciana Dolliver - Madonnina bionda
  13. Carlo Buti - Contadinella bruna (gregoretti-perfetti)
  14. Gilberto Mazzi - Mille lire al mese (innocenzi-sopranzi)
  15. Luciano Tajoli - Simpatia (cherubini-pagano)
  16. Carlo Buti - Ideale (errico-tosti)

venerdì 19 aprile 2013

Avvisaglie di un conflitto - 1938 (settembre - dicembre)



settembre

[05] - L'assunzione del personale femminile negli impieghi pubblici e privati è limitato ad una proporzione massima del 10 per cento (REGIO DECRETO LEGGE 5 settembre 1938 - XVI - n.1514 )
[12] – Hitler pronuncia un discorso in cui chiede il diritto all’autodeterminazione per i tedeschi dei Sudeti
[29] – Accordi di Monaco. Vengono sottoscritti dai rappresentanti di Francia (Daladier), Gran Bretagna (Chamberlain), Italia (Mussolini) e Germania (Hitler) al termine di un convegno tenuto nella capitale bavarese per risolvere il problema dei Sudeti: si consente in definitiva alla Germania di occupare la zona dei Sudeti tra il 1° e il 10 ottobre, a patto che i tedeschi rinuncino a ogni ulteriore ingrandimento territoriale a danno delle nazioni confinanti. […] Abbandonata da Francia e Inghilterra, la Cecoslovacchia deve cedere alla Germania quasi 30.000 kmq di territorio con 3 milioni di abitanti, di cui 2.800.000 di lingua tedesca. Ma non è tutto: l’infelice Cecoslovacchia, dopo un secondo atto di spartizione siglato il 20 novembre, perde altre fette di territorio a vantaggio della Polonia (1700 kmq e 228.000 abitanti) e dell’Ungheria (circa 20.000 kmq e 772.000 abitanti). Con queste cessioni, l’economia cecoslovacca perde buona parte delle sue risorse minerarie e dei suoi impianti industriali.
 
 

ottobre
 
[01] – Le truppe tedesche iniziano l’occupazione dei Sudeti. L’operazione era pronta nei minimi dettagli da parecchi mesi ed è questa la prova più evidente che la sorte dei Sudeti era segnata anche senza la firma degli accordi di Monaco.
[07] – Approfittando della situazione, la Slovacchia costituisce un suo governo autonomo sotto la presidenza di monsignor Tiso (sacerdote cattolico)
[24] – Ribbentrop informa l'ambasciatore polacco a Berlino che è giunto il momento di parlare di Danzica e di arrivare a un accordo generale tra i due Paesi.
[30] – Orson Welles trasmette per radio un realistico adattamento de “La guerra dei mondi”, causando il panico in tutti gli Stati Uniti


novembre
 
[09-10] – In Germania, dopo l’assassinio a Parigi di un diplomatico tedesco da parte di un ebreo, si scatena in tutto il paese la furia antisemita contro le abitazioni, i negozi e le sinagoghe ebraiche. Circa duecento persone vengono uccise. Passerà alla storia come la “notte dei cristalli”
[26] – la U.R.S.S. garantisce alla Polonia la validità del patto di non aggressione firmato nel maggio 1934 finché questa non si fosse alleata nel campo tedesco 
 
 

dicembre
 
[23] – Ha inizio l’offensiva franchista contro la Catalogna. Bombardamenti italiani su Barcellona.

Carta del Lavoro voluta da Franco (marzo 1938)
Sindacato unico e lavoro concepito come tributo
 obbligatorio al patrimonio nazionale.
Lo sciopero è un tradimento.
 
 
 
  1. Carlo Buti - L'abito blu (nisa-redi)
  2. Nada Villefleur - Io conosco un bar (mascheroni-marf)
  3. Carlo Buti - La porti un bacione a Firenze (di lazzaro-bruno)
  4. Carlo Buti - Bella ragazza dalle trecce bionde (arr. di ricci)
  5. Carlo Buti - Maggio, sei tu (lugetti-borella)
  6. Giovanni Turchetti e Dea Garbaccio - Sopra una nuvola con te (bixio-cherubini)
  7. Miscel - Una notte a Madera (mascheroni-marf)
  8. Dino Olivieri - Vado in Cina e torno (mascheroni-marf)
  9. Crivel & Rita Manuel - Signorina Grandi Firme (bracchi-d'anzi)
  10. Maria Bonelli - Fate così (mchugh-willy)
 
 
 
 
pubblicità - CAMPARI

Avvisaglie di un conflitto - 1938 (maggio-agosto)




maggio
  • [03-09] – Hitler compie una visita ufficiale in Italia e riafferma il valore dell’alleanza con il fascismo. Per Mussolini è essenziale che Hitler abbia dell'Italia l'immagine di una nazione guerriera. Pio XI si ritira a Castel Gandolfo ordinando di chiudere i musei Vaticani per tutto il periodo della visita


  • [4-19] – Si disputa in Francia la terza edizione del campionato mondiale di calcio. L'Italia, guidata da Vittorio Pozzo, vince il suo secondo campionato battendo per 4-2 la nazionale ungherese
  • [18] – Il Fuhrer è proclamato “fonte suprema di diritto”

 

luglio
  • [15] – il Giornale d'Italia con il titolo "Il Fascismo e il problema della razza", pubblica  uno statement sulle questioni della razza. Figura scritto da un gruppo di studiosi, sotto l'egida del Ministero della Cultura Popolare.   E' la base dei numerosi decreti,  che tra l'estate e l'autunno Benito Mussolini firma in qualità di capo del Governo e Vittorio Emanuele III promulga, tendenti a legittimare una visione razzista della così detta questione ebraica:  espulsione degli ebrei stranieri, privazione della cittadinanza per gli ebrei che l’avessero ottenuta dopo il 1918, divieto di contrarre matrimoni tra italiani “ariani” e cittadini di altre “razze”, esclusione dall’insegnamento nelle scuole statali, dal servizio militare, dalle cariche pubbliche.
    Migliaia di ebrei fuggono volontariamente all’estero, specie negli Stati Uniti.


pubblicità turistica - SAN REMO
  1. Carlo Buti - Per un bacio d'amor (bertini-vasin)
  2. Fedora Mingarelli - Un'ora sola ti vorrei (bertini-marchetti)
  3. Gilberto Mazzi - Amore azzurro (sciambra-neri)
  4. Pippo Barzizza - Armstrong play (manzetti)
  5. Delia Lodi - Non sei più la mia bambina (bracchi-d'anzi)
  6. Nuccia Natali & Trio Lescano - E' arrivato l'ambasciatore (arcangeli-casiroli)
  7. Enzo Aita & Trio Lescano - Segui il ritmo (kaper-turman-bracchi)
  8. Carlo Buti - Serenata del somarello (stothart-willy-friml)
  9. Trio Lescano - E' quel fox-trot (barzizza-borella)
  10. Gorni Kramer - Whispering
 pubblicità - sigarette MACEDONIA

giovedì 18 aprile 2013

Avvisaglie di un conflitto - 1938 (gennaio-aprile)


 
 


gennaio
  • [25] – Viene concessa alla Gestapo, la polizia segreta al comando di Heinrich Himmler, il potere esclusivo (finora prerogativa dell’apparato giudiziario) di emettere ordinanza di detenzione per motivi di sicurezza



febbraio
  • [04] – Hitler dopo aver congedato i generali preposti, assume personalmente il comando supremo dell’esercito, sostituendo nel contempo il ministro degli Esteri appartenente alla vecchia diplomazia, col nazionalsocialista Ribbentrop.
  • [28] – Commissione Woodhead: istituita dal governo britannico con mandato sulla Palestina per studiare la possibilità di una spartizione del territorio in due Stati uno ebraico e uno arabo, dopo il fallimento della Commissione Peel dell'anno prima (conseguenza delle ostilità arabe nei confronti delle autorizzazioni all'immigrazione ebraica e alla vendita di terre che gli Arabi palestinesi credevano li avrebbe portati a diventare una minoranza nel loro territorio destinato, in seguito dello sfaldamento dell'Impero Ottomano, a diventare nel tempo, uno Stato arabo indipendente).

marzo
  • [01] – Muore Gabriele D'Annunzio. Grande ammiratore della Francia si oppose all'avvicinamento dell'Italia fascista al regime nazista, bollando Hitler, già nel 1934, come “pagliaccio feroce".
  • [13] – In Unione Sovietica, Bucharin ed il gruppo dei suoi seguaci vengono giudicati colpevoli di tradimento dai tribunali speciali staliniani e condannati alla pena capitale. Con quest’ultima “purga” è sterminato tutto il vecchio gruppo dirigente bolscevico protagonista della Rivoluzione di ottobre.
  • [12] – Le truppe tedesche occupano l’Austria senza incontrare la minima resistenza, e il giorno successivo il nuovo governo austriaco, proclama una legge di annessione al Reich germanico
  • [17] – Il premier britannico Chamberlain respinge le proposte sovietiche per un patto collettivo antinazista


    pubblicità - vacanze in GERMANIA
 
aprile
  • [--] – I nazisti dei Sudeti (popolazioni boeme di lingua tedesca) intimano al governo cecoslovacco la concessione di particolari autonomie
  • [09] – Caduta del governo di Fronte popolare in Francia. Il Senato nega la fiducia a Leon Blum; l’incarico viene conferito al radicalsocialista Edouard Daladier che forma un governo senza i socialisti
  • [16] – Il premier britannico Chamberlain conclude un accordo con l’Italia e ne riconosce la sovranità sull’Etiopia. I due Paesi si impegnano al mantenimento dello status quo nel Vicino Oriente e Mussolini promette di ritirare i “volontari” italiani dalla Spagna al termine della guerra civile.
  • [25] - Benito Mussolini annuncia la fondazione di Pomezia, ultima città nata dalla bonifica dell'Agro Pontino
pubblicità - LAMA ITALIA
 
 
 
  1. Carlo Buti - Fiorin Fiorello (mascheroni-mendes)
  2. Carlo Buti - Tchi tchi (valabrega-scotto)
  3. Crivel - Chi è più felice di me (bixio)
  4. Enzo Aita & Trio Lescano - Ma le gambe (bracchi-d'anzi)
  5. Carlo Buti - Piccola butterfly (bertini-redi)
  6. Dunk's Rhythm Sisters - Non si può vivere senza l'amore
  7. Giacomo Osella - la mazurca di Carolina (bruno-redi)
  8. Carlo Buti - 'na sera 'e maggio (piedigrotta) (cioffi-pisano)
  9. Dunk's Rhythm Sisters - La signorina della 5^ strada
  10. Carlo Buti - Vieni, vieni (scotto)
 
 
 
 
pubblicità - ESSO
 
 
pubblicità - FIAT 1100

lunedì 15 aprile 2013

Situazione preesistente al conflitto (1937)

pubblicità - SNIA (lanital)
 
  1. Carlo Buti - Bambina innamorata (bracchi-d'anzi)
  2. Carlo Buti - La romanina (di lazzaro-micheli)
  3. Carlo Buti - Non dimenticar le mie parole (bracchi-d'anzi)
  4. Carlo Buti - Quando mi bacia Teresa (giamnipa-raimondo)
  5. Tito Schipa - Chi è più felice di me (bixio)
  6. Rodolfo De Angelis - Ho perduta la cagnetta (de angelis)
 

pubblicità - BANCO DI ROMA
 
  1. Carlo Buti - Il miracolo della lana (de torres-simeoni-del pelo)
  2. Carlo Buti - La canzone dell'operaio (atanasio-staffelli) (piedigrotta)
  3. Crivel - Duce, Duce, Duce! (sopranzi-cacini)
  4. Rodolfo De Angelis - Schiocca la frusta (de angelis)
  5. Mario Pasqualillo - Che peccato (gigliati-mignone-valente)

 
 


  1. Nino Taranto - Agata! (pisano-cioffi)
  2. Gorni Kramer e i suoi Solisti - Carovana (Caravan) (Tizol)
  3. Ria Rosa - Non mi seccare (pisano-cioffi )
  4. Ria Rosa - Preferisco il '900 (fusco-valente)
  5. Trio Lescano - Valzer della fisarmonica (di lazzaro-bruno)
  6. R. Masucci, G. Osella, N. Filogamo & U. Molinari - Tutto bene, madama la marchesa (Misraki-Massucci-Osella-Filogamo-Molinari)
  7. Trio Lescano e Luigi Astore - Tulilem blem blu (kramer-romero)
 

domenica 14 aprile 2013

Situazione preesistente al conflitto (1936)

pubblicità - MORETTI (tende da campo)
 
 
  1. Alberto Rabagliati e i Lecuona Cuban Boys - Coubanakan (simons-moises)
  2. Kramer e i suoi Solisti - Voi (you) (schwarz)
  3. Orchestra Circolo dell'Ambasciata di Milano - Crapa pelada (kramer)
  4. Orchestra ''Circolo Jazz Hot'' (vc Marcello Marchesi) - Mai, mai mai (marchesi-levi)
  5. Vittorio De Sica & Elsa Merlini - Dammi un bacio e ti dico di si (cherubini-bixio)
  6. Vittorio De Sica - Amore e tifo (Elisabetta) (marchesi-levi)
  7. Rodolfo De Angelis - Addio canzoni americane (de angelis)
 
 

pubblicità - FERNET BRANCA

  1. Carlo Buti - Faccetta nera (nuova vers) (ruccione-micheli)
  2. Mario Pasqualillo - L'ha detto Mussolini (garofalo-contropassi)
  3. Rodolfo De Angelis - Il mondo che fa (de angelis)




pubblicità - LANA GATTO
 
 
  1. Carlo Buti - La maschietta (cherubini-ruccione)
  2. Miscel - Quann'è domenica (mariotti-martelli-neri)
  3. Ria Rosa - Lo penso ... ma non lo fo' ... (cioffi-pisano)
  4. Ria Rosa - 'stu canzone c' 'o tiene 'a ffa' (mazzucchi-fosco)
  5. Tito Schipa - Vivere! (bixio)
  6. Tito Schipa - Torna, piccina (bixio)
  7. Vittorio De Sica - Lisetta va alla moda italiana (marchesi-levi)
 

Situazione preesistente al conflitto (1935)

pubblicità - SOCIETA' NAZIONALE DEI RADIATORI (Ideal Standard)
 
 
  1. Carlo Buti - Amore amaro (mezzaroma-ruccione)
  2. Carlo Buti - Canta all'italiana (bruno-dole)
  3. Carlo Buti - Chitarra Romana (bruno-di lazzaro)
  4. Carlo Buti - Il disco gira (benini-checcucci)
  5. Carlo Buti - Luna malinconica (blue moon) (bracchi-rodgers)
  6. Carlo Buti - Non ti Scordar di me (furno-de curtis)


 



 
 
  1. Carlo Buti - Faccetta nera (testo ufficiale) (micheli-ruccione)
  2. Crivel - Ti saluto (vado in Abissinia) (pinki-oldrati-rossi)
  3. Daniele Serra - Africanina (pupetta mora) (rampoldi-malinverno)
  4. Miscel - Africanella (martelli-neri-simi)
  5. Rodolfo De Angelis - L'imperatore si confessa (povero, povero Selassié) (de angelis)
  6. Vittorio De Sica - La canzone dei volontari (Allegra - Vitali)
 
 

Lotteria di Tripoli
 
  1. Carlo Buti - Reginella (bovio-lama)
  2. Carlo Buti - Scrivimi (frati-raimondo)
  3. Carlo Buti - Violino tzigano (bixio-cherubini)
  4. Ria Rosa - 'a canzona d' 'e femmene (valente-di gianni)
  5. Rodolfo De Angelis - Bravo bravo ma come parla bene (de angelis)
  6. Rodolfo De Angelis - Per fare una canzone (de angelis)
  7. Wanda Osiris - Stornelli ... affettuosi (with M. Giglio) (cherubini-frustaci)
 

Situazione preesistente al conflitto (1934)


 
 
Carlo Buti
  1. Belle che voi dormite (Nina si voi dormite) (marino-leonardi)
  2. Primo Amore (buti)
  3. Questa è la vita (donnarumma-rossetti)
  4. Signora fortuna (bixio-cherubini-fragna )
  5. Signorinella (valente-bovio)
  6. Stornelli tifosi (nardella-rispoli)
 
 
 
 

  1. Daniele Serra - Trotta trotta cavallino (bixio-cherubini)
  2. Romolo Balzani - Scapoli e zitelle (frapiselli-balzani)
  3. Rodolfo De Angelis - Pesci e frutti di mare (de angelis)
  4. Rodolfo De Angelis - Tinghe tinghe tanghe (de angelis)
  5. Vittorio De Sica - Io son Pacifico (marf-mascheroni)

 
 
 pubblicità ODOL (Tito Schipa)


Situazione preesistente al conflitto


Gran Bretagna (nazione guida insieme alla Francia, del sistema di sicurezza internazionale messo in piedi nel 1919 (Società delle Nazioni) per evitare che un conflitto fra due stati degenerasse, come nel 1914, in una guerra generale) - la crisi economica mondiale del '29 obbliga nel 1931 il Paese ad abbandonare la parità aurea della sterlina e il liberismo tradizionale a cui si aggiunge la mutante situazione politica dell’Europa, rendono manifesto il pericolo di perdita della posizione di predominio politico-militare sul continente


Spagna – l’affermazione, nelle maggiori città, delle sinistre e dei repubblicani alle elezioni comunali del 1931 porta il re Alfonso XIII ad un esilio volontario ed alla proclamazione della seconda Repubblica (prima Repubblica: 1873-1874), subito seguita dall’emanazione di una costituzione democratica (voto alle donne, riforma agraria, laicizzazione delle scuole e dello stato). La reazione è immediata e alle elezioni del 1933 una coalizione moderata, uscente vittoriosa ne impedisce l’attuazione. Le nuove elezioni del 1936 ribaltano i risultati che le destre rifiutano di riconoscere portando alla sollevazione le truppe coloniali, capeggiate dal generale Francisco Franco, alla sollevazione: è la guerra civile.


Francia – dopo la conclusione della pace con la conferenza di Versailles (1919), il Paese vede un progressivo spostamento del favore popolare verso le sinistre. Ministeri “nazionali”, fatti per fronteggiare la grave situazione finanziaria, vengono sommersi dai dissidi fra partiti rendendo impossibile il formarsi di una solida maggioranza, e preparando l’ascesa al governo del “Fronte Popolare” che appoggia attivamente l’omonimo governo spagnolo durante la guerra civile.


Italia – dopo un abbozzo di intesa con Francia e Gran Bretagna per parare la minaccia di un riarmo tedesco iniziato nel 1935, che l’attacco italiano all’Etiopia sgretola, il Paese viene punito dalla Società delle Nazioni con sanzioni economiche. Alla fine del 1937 l'Italia si ritira dalla Società delle Nazioni avvicinandosi alla Germania che non aveva aderito alle sanzioni


Austriadopo la sconfitta del ’18 e il dissolvimento dell’Impero, il Paese diventa un piccolo stato, con poco più di sei milioni di abitanti, un terzo dei quali vive nell’ipertrofica capitale Vienna. Molti austriaci in queste condizioni ritengono indispensabile riunirsi ai tedeschi della Germania, ma a questa annessione si oppongono le potenze vincitrici, Francia e Italia in testa.   La crisi del ’29 accrebbe la crescente instabilità, acuita dalle pressioni della Germania, che contava sempre più ammiratori nel Paese.


Albaniala più debole e la più povera delle entità statuali createsi nei Balcani dopo la prima guerra mondiale dalla decomposizione degli imperi ottomano e austro-ungarico. Sorta come stato autonomo dalla conferenza di pace che aveva posto fine alla guerra balcanica del 1912-1913, aveva dovuto subire la crescente penetrazione economica italiana sino alla stipulazione di espliciti trattati di amicizia (1926) e di alleanza (1927) che la configuravano come una sorta di protettorato dell'Italia fascista (nel 1933 l'Italiano venne dichairato obbligatorio in tutte le scuole albanesi)


Cecoslovacchia – nasce nel ’18 dallo sfaldamento dell’Impero austroungarico. La crisi del ’29 provoca misure protezionistiche e tensioni sociali che risvegliano rivalità latenti delle minoranze (ungherese (4%), tedesca (21%), slovacca (17%) contro la maggioranza ceca


Polonianasce nel ’18 riappropriandosi dei territori spartiti alla fine del ‘700 tra Russia e Prussia. Da subito insieme alle difficoltà economiche e ad una forte instabilità politica, si trova a dover far fronte alle pressioni dell’Unione Sovietica e della Germania: la prima vi fomenta moti comunisti, la seconda non intende accettare i confini stabiliti dalle potenze vincitrici, rivendicando la città libera di Danzica.


Germania – i disastrosi effetti della crisi del 1929 favoriscono l’avanzata del nazionalsocialismo e la lotta politica assume sempre più i caratteri della guerra civile. Nel gennaio 1933 Hitler è chiamato a rivestire le funzioni di cancelliere e dopo pochi mesi viene instaurato un regime monopartito con la creazione di "campi di rieducazione" (campi di concentramento) per gli oppositori politici. Il suo antiboscevismo e antisemitismo incontravano non pochi consensi di collaborazione, si cercava sempre un “appeasement” con Hitler per evitare la guerra nella direzione che essi non volevano.   Nel 1935 viene reintrodotta la coscrizione obbligatoria, gli inglesi acconsentono ad un rafforzamento della marina e la Luftwaffe, l'aviazione, viene costituita alla luce del sole.   Di fronte all'accelerazione del programma di riarmo, Gran Bretagna e Francia non avanzano nessuna seria protesta.  Vedono nei nazisti un baluardo contro il bolscevismo.


Urss – la svolta collettivista e industrialista alla fine degli anni Venti è un passo decisivo verso l’affermazione di una nuova elite, la cui partecipazione marginale agli eventi del 1917 fu compensata dallo zelo profuso nel perseguire gli obiettivi industriali. La repressione di ogni forma di opposizione inizia a riempire i campi di lavoro siberiani e il peso della polizia politica cresce di pari passo con il culto della personalità di Stalin.


Finlandiaex granducato autonomo all’interno dell’Impero Russo fino alla rivoluzione del 1917.  Il 6 dicembre di quell’anno ottiene l’indipendenza a cui fa seguito una guerra civile che termina con la sconfitta dei “Rossi” filo-bolscevichi da parte dei filo-conservatori “Bianchi” sostenuti dall’Impero tedesco.   Dopo un breve tentativo di stabilire una monarchia nel Paese, la Finlandia diviene una repubblica. Agli inizi degli anni ’30 si assiste ad alcuni movimenti estremisti di destra che vengono immediatamente soffocati.




Stati Unitinel 1935 lo spettro della disoccupazione e quindi della fame, evocato dal crollo della borsa del ’29, è ormai scomparso; il paese ritrova nuovamente fiducia nelle proprie capacità produttive, superando la crisi sul piano interno mentre su quello europeo rimane spettatrice.


Giappone – Approfittando della decadenza del regime cinese e della vittoria su la Russia zarista nella guerra del 1904-1905, il Giappone si impone come la più grande potenza militare della regione.   In seguito al crollo di Wall Street e alla Grande depressione mondiale, crebbero i sentimenti antioccidentali, e una classe sempre più nazionalistica di ufficiali inizia a considerare la Manciuria e la Cina, come un vasto territorio e una popolazione da assoggettare per sostenere le isole della madrepatria.   A questo obiettivo si aggiungono anche quelli delle colonie della Gran Bretagna, della Francia e dei Paesi Bassi in Estremo Oriente.


VaticanoLa Chiesa di Roma teme il dilagare in Europa del démone bolscevico: osteggia il trattato di Versailles non solo per le rinunce territoriali che esso imponeva alla Germania, ma perché stabiliva il virtuale disarmo delle Forze armate tedesche: due clausole che confliggevano con la strategia vaticana di un forte Reich baluardo a Est contro la minaccia bolscevica e cardine di un’ Europa cristiana.  Nel ’22 Pio XI (nunzio apostolico di Varsavia) mantiene gli indirizzi politici del suo predecessore Benedetto XV. Gli sviluppi politici cambiano con l’evoluzione delle amicizie del nunzio apostolico di Monaco e di Berlino nonché dal 1930 segretario di Stato, Eugenio Pacelli (futuro Pio XII), ossessionato dallo spettro della minaccia ebraico-bolscevica capace di distruggere la cristianità.


Turchiadopo la sconfitta del ’18 e il dissolvimento dell’Impero Ottomano, perde  tutti i suoi possedimenti in Medioriente e Iraq e deve far fronte alle sommosse popolari che minacciano di sfiancare  l’ormai logoro  e decrepito apparato statale.   Nasce il Movimento Nazionale Turco, guidato dal generale  Kemal Ataturk che nel 1923 dopo aver sconfitto l’Esercito del Califfo depone il sultano Mehmed VI e proclama la Repubblica Turca  (svincolato da ipoteche teocratiche proprie dell’islamismo, vengono aboliti gli ordini religiosi musulmani, abolita la poligamia, proibito l’uso del fez e concesso il voto alle donne).

 
Siria - Nasce dallo sfaldamento dell’Impero  Ottomano.  Assegnata  con mandato della Società delle Nazioni, alla Francia, è teatro di continue violente ribellioni contro la potenza mandataria.


Palestina - Nasce dallo sfaldamento dell’Impero  Ottomano.  Affidata (1920) con mandato della Società delle Nazioni al Regno Unito, che già nel 1917 aveva dato la sua approvazione formale all’insediamento ebreo (dichiarazione di “Balfour” – dare asilo agli ebrei dispersi nelle altre nazioni) pur avendo promesso nel 1915 la Palestina agli arabi come paese indipendente o come parte di una grande nazione araba, per l’aiuto prestato con la Rivolta Araba nella lotta contro l’impero Turco-Ottomano.
Su Mandato il Regno Unito, doveva predisporre il territorio allo sviluppo di un futuro governo autonomo, ma l’importanza strategica che occupa come passaggio per il Vicino Oriente (petrolio iracheno e persiano) pone la necessità di mantenere l’occupazione con una forza militare permanente.



Iraq - Al termine del I conflitto mondiale, le truppe britanniche occuparono l'odierno Iraq (fino ad allora provincia ottomana).  Nell'ambito della spartizione dell'impero ottomano, il 25 aprile 1920 fu presentata alla Società delle Nazioni una bozza che attribuiva a Londra il mandato di amministrare l'Iraq in vista della sua futura indipendenza.  Tuttavia, lo scoppio di una rivolta anti-britannica nei mesi successivi spinse a scartare l'idea del mandato in favore di una ummediata semi-indipendenza, con la politica estera e militare sotto il controllo di Londra, oltre al diritto di intervento anche in altri campi.   Il nuovo Stato assunse per volontà britannica la forma di una monarchia retta dal re hashemita Faysal b. al-Husayn.  Il periodo di amministrazione britannica ebbe fine il 3 ottobre 1932, quando venne ufficialmente riconosciuta l'indipendenza dell'Iraq, seppure ancora limitata sotto alcuni aspetti militari ed economici



Egitto - Nel 1914, allo scoppio della Prima guerra mondiale, Khedivé Abbas II si schierò al fianco dell'Impero Ottomano e fu prontamente deposto dai britannici che proclamarono Sultano dell'Egitto e del Sudan suo zio, Husayn Kamil.  Questi decretò la fine della sovranità turca e la trasformazione del Paese in un protettorato britannico anche a livello giuridico.   Dopo lunghe lotte in cui rifulse l'attività patriottica di Sa'd Zaghlul e del partito del Wafd, l'Egitto ottiene la piena indipendenza soltanto il 14 settembre 1936, con il Regno Unito che mantenne di fatto le basi militari nel Paese.





1933
  1. Rodolfo De Angelis - Ma.. cos'è questa crisi (de angelis)
  2. Rodolfo De Angelis - Il colore che vuoi tu (de angelis)
  3. Carlo Buti - Come fu (galdieri-caslar)
  4. Romolo Balzani - Donna crisi (stazzonelli-anzelmo)
  5. Romolo Balzani - La balilla (petrini-ruccione-mezzaroma)